Gli Effetti degli Steroidi sul Fisico: Una Guida Completa

Gli Effetti degli Steroidi sul Fisico: Una Guida Completa

Gli steroidi anabolizzanti sono varianti sintetiche del testosterone, l’ormone sessuale maschile. Sono utilizzati per aumentare la massa muscolare e stimolare la crescita di cellule nuove nel corpo. Gli utilizzatori di steroidi anabolizzanti androgeni hanno un aumentato rischio di morte e un numero significativamente maggiore di ricoveri ospedalieri rispetto ai loro pari non utilizzatori. Dato l’alto tasso di abuso di steroidi anabolizzanti androgeni, questi effetti collaterali sono di preoccupazione per la salute pubblica.

  • Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere novità, offerte e informazioni sui nostri Humanitas Medical Care.
  • Un altro effetto collaterale non osservato con la maggior parte degli altri steroidi è la sua potenziale attività immunosoppressiva [ 62 ].
  • In effetti, l’AR è una proteina modulare con domini discreti responsabili di diverse funzioni.
  • Qualcuno un giorno ha scoperto che potevano essere usati in campo “sportivo” per incrementare le prestazioni in maniera massiccia e innaturale.

Questo perché inibiscono la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali, che impiegano un certo tempo per recuperare. Pertanto, al termine di un ciclo di corticosteroidi, la dose viene ridotta gradualmente. È importante che, in caso di assunzione di corticosteroidi, si seguano molto attentamente le istruzioni del medico sul dosaggio. Inoltre, l’uso non regolamentato di steroidi degli effetti collaterali è considerato doping nello sport e può portare a squalifiche, sanzioni e danneggiare la reputazione degli atleti coinvolti. “Anabolenpoli” è l’unica clinica al mondo specializzata per gli utenti attuali o passati.

Terapia

Il termine “anabolizzanti” si riferisce alla loro capacità di accelerare i fenomeni anabolici, dati dall’insieme dei processi di sintesi di proteine, carboidrati, lipidi e costituenti cellulari in genere. L’Oxandrolone è uno steroide con discrete proprietà anabolizzanti e bassa attività androgenica. Agisce favorendo https://it-personaltrainer.com/nutrizione-sportiva/nutrizione-per-una-massa-muscolare-di-alta-qualita/ la sintesi di testosterone, promuovendo così l’aumento della massa e della forza muscolare. Stimola anche la mineralizzazione del tessuto osseo, intervenendo nel metabolismo del calcio. Questo estere decanoato conferisce alla preparazione una durata d’azione di circa tre settimane dopo l’iniezione.

Oltre al loro effetto di aumentare il rendimento, gli anabolizzanti hanno anche una serie di effetti collaterali in parte pericolosi. Sono stati sviluppati per trattare forme di atrofia muscolare, osteoporosi e iperplasia prostatica benigna (ingrossamento benigno della prostata). Vengono tuttavia prodotti illegalmente in Cina – con un dubbio contenuto di sostanza attiva – e distribuiti in Europa e America. Le foglie essiccate di sisal ( Agave sisalana ; Asparagaceae) e le radici di salsapariglia (varie specie di Smilax ; Smilacaceae) sono occasionalmente utilizzate come presunti stimolatori di T.

Salute

Aumenta così il pericolo di un’occlusione delle arterie, che può dar luogo a un ictus o a un infarto cardiaco. Molte piante produttrici di steroidi meno conosciute sono occasionalmente commercializzate come booster di T, come la damiana ( Turnera diffusa ; Passifloraceae) o il ginseng malese ( Eurycoma longifolia ; Simaroubaceae). È stato segnalato che la damiana contiene sitosterolo 3- O -β- d -glucoside, mentre il ginseng malese ha un derivato del lanostano, il tirucallano ( 64 e 65 ,Figura 11). Ancora una volta, ci sono pochissime prove che i composti presenti negli estratti di queste piante aumentino i livelli di T endogeno [ 106 , 107 , 108 , 109 ].

  • L’attuale legislazione in materia di doping consente l’accompagnamento medico in caso di consumo problematico di anabolizzanti solo se la persona non pratica un’attività sportiva a livello agonistico e solo se è motivata a smettere di assumere la sostanza.
  • Il trattamento non altera la capacità di guidare veicoli o macchinari potenzialmente pericolosi.
  • Come i precedenti SERM, i decenni successivi potrebbero annunciare l’approvazione e l’uso diffuso dei SARM per una serie di indicazioni.
  • Salva il mio nome, email e sito web in questo browser per la prossima volta che commento.

Gli integratori contenenti estratti di Dioscorea vengono assunti anche per trattare i sintomi della menopausa nelle donne, in alternativa alla terapia ormonale sostitutiva, ma ancora una volta non vi è alcuna prova definitiva che queste saponine vengano metabolizzate in progesterone. Alcuni T-booster contengono anche semi di fieno greco ( Trigonella foenum-graecum ; Fabaceae), una spezia che contiene anche saponine, diosgenina e yamogenina [ 1 , 99 , 100 ]. Il principale ormone sessuale maschile, il testosterone, è prodotto da cellule presenti nei testicoli. Il testosterone può anche originare dalla conversione nel fegato dei suoi precursori deidroepiandrosterone (DHEA) e androstenedione, che sono rilasciati dalle gonadi e dalla corteccia surrenale. Nelle donne il testosterone è sintetizzato dal corpo luteo nell’ovaio e dalla corteccia surrenale e contribuisce alla sintesi degli estrogeni, dopo conversione ad opera dell’enzima aromatasi.

I SARM sono un nuovo gruppo di composti sviluppati per aumentare selettivamente gli effetti anabolici nei muscoli e nelle ossa, evitando effetti androgenici indesiderati nella pelle, nella laringe e negli organi riproduttivi. La maggior parte di questi composti manca delle funzionalità strutturali degli steroidi anabolizzanti originali e sono talvolta definiti androgeni non steroidei. Si sperava che questi agenti potessero essere utilizzati nei casi in cui gli steroidi anabolizzanti convenzionali producessero effetti collaterali indesiderati, come la virilizzazione nelle donne e l’iperplasia prostatica negli uomini [67] .].

I pazienti devono essere informati sulla potenziale manifestazione di segni di virilizzazione. In particolare cantanti e donne che svolgono professioni in cui viene usata la parola, devono essere informati sul rischio di approfondimento del timbro della voce. Qualora insorgano segni di virilizzazione, il rapporto rischio/beneficio deve essere nuovamente analizzato con il singolo paziente. Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico, al farmacista o all’infermiere. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all’indirizzo /it/responsabili. L’uso improprio di questo medicinale per migliorare la capacità nello sport comporta rischi gravi per la salute e deve essere scoraggiato.

Obiettivo della giornata è quello di analizzare lo stato dell’arte sulla applicazione delle nuove tecnologie informatiche utilizzate nella pianificazione e nella gestione dei dati raccolti durante lo studio clinico e … Il recente aggiornamento della Farmacopea Ufficiale ha incluso tali sostanze in tabella n.5 ed ha confermato che la prescrizione di anabolizzanti è subordinata a presentazione di ricetta medica da rinnovare volta per volta e da ritirare dal farmacista. “L’Agenzia mondiale antidoping (WADA) ha pubblicato una lista delle sostanze proibite (l’ultima lista aggiornata è entrata in vigore il 1° gennaio 2016), nella quale sono elencate le sostanze anabolizzanti vietate nelle manifestazioni e competizioni sportive – ha aggiunto la dottoressa Fazio -.

FITOTERAPIA E OMEOPATIA. MODERNE TERAPIE MEDICHE – Farmacognosia e tossicologia di 200 bioterapici

A causa del rischio di effetti collaterali sistemici le iniezioni di steroidi sono spesso somministrate solo a intervalli di almeno sei settimane (ma questo dipende dalla molecole scelta). L’idrocortisone (Colifoam®, Cortinal®, Flebocortid®, Foille insetti®, Lanacort®, Locoidon®, Mixotone®, Proctosedyl®, Proctosoll®, Sintotrat®, …) è un glucocorticoide ad azione rapida e di breve durata, usato nel trattamento dell’insufficienza delle ghiandole surrenali e di condizioni allergiche e infiammatorie. L’idrocortisone ha la stessa struttura chimica del cortisolo ed è quindi il più simile all’ormone prodotto dalle ghiandole surrenali umane. È disponibile in numerose forme farmaceutiche, soprattutto ad azione locale (aerosol, colliri, gocce otologiche, preparazione rettali, …).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *